Opera d'arte

Scheda

Autore

Vignali, Jacopo

Titolo

Ruggiero soccorso da Leone e dalla Maga Melissa

Cronologia

1636

Tecnica

olio su tela

Tipologia

dipinto

Misure

cm 189 x 205

Collocazione

Firenze, Galleria Palatina, inv. 1890 n. 5054

Provenienza

collezione di Carlo de Medici

Bibliografia

E. Fumagalli, scheda 86, in L’arme e gli amori. La poesia di Ariosto, Tasso e Guarini nell’arte fiorentina del Seicento, catalogo della mostra (Firenze, 21 giugno-20 ottobre 2001), a cura di E. Fumagalli, M. Rossi, R. Spinelli, Livorno, 2001, p. 222

Scheda n. 22 in Florence au Grand Siècle entre peinture at littérature, catalogo della mostra (Ajaccio, 1 giugno-3 ottobre 2011), a cura di E. Fumagalli, M. Rossi, Livorno, 2011, p. 103

Note

dell'opera esiste una replica presso lo Snite Museum di Notre Dame (Indiana) e un'altra conservata presso il Museo Clemente Rospigliosi di Pistoia

Studio

Soggetti

Melissa e Leone soccorrono Ruggiero

Personaggi

Melissa, Ruggiero, Leone, Spiriti

Ambientazioni

Esterno, Radura

Note

Leone trova Ruggiero (XLVI, 28-29) che gli rivela la promessa nuziale che lo lega a Bradamante (XLVI, 34-38); Melissa è rappresentata mentre porge a Ruggiero una coppa di vino (XLVI, 46, vv. 1-4), in compagnia di due spiriti evocati dall'arte magica (XLVI, XX, vv. 7-8). La raffigurazione di Ruggiero non segue fedelmente l'ottava ariostesca (XLVI, 26): nel dipinto il cavaliere è rappresentato adagiato su un panno, privo dell'elmo e con la spada nella mano.