Allegoria Canto XXIII

Collegamenti

Immagine

Trascrizione

  • Indici
  • Drag


In questo ventesimo terzo canto, si ricorda
quanto nel far male vaglia ogni minima persona, poiché la vecchia Gabrina è cagione di con-
durre in tanto pericolo di morte sì valoroso cavaliero, come Zerbino. In Rodo-
monte, che tenendosi a grande scorno di levare ad una donna il destriero, che sì li
piaceva et gli bisognava, lo leva poi con l'attacco delle parole di Ippalca, si
comprende quanto picciola occasione basti a farne mandare ad effetto i
nostri voleri, pur che possiamo. In Orlando poi, che per alta ge-
losia della donna sua perde come affatto l'intelletto et divien fu-
rioso et matto, si vien tuttavia seguendo di conoscere, con
l'esperienza, l'infinita forza delle passioni amorose.

Scheda

Indicazione bibliografica

  • Orlando furioso di M. Lodovico Ariosto, tutto ricorretto, et di nuove figure adornato…, Venezia, Valgrisi, 1556

Autore

  • Ruscelli, Girolamo

Collocazione

    Ferrara, Biblioteca Comunale Ariostea

Studio

Episodi e significati

Personaggi

Angelica, Frontino, Gabrina, Ippalca, Orlando, Rodomonte (Re di Algieri e di Sarza), Zerbino